Vai a sottomenu e altri contenuti

Documentazione Attività Vendita Diretta Prodotti Agricoli

Attività: Vendita diretta prodotti agricoli
Descrizione: vendita diretta di prodotti di produzione propria effettuata da imprenditori agricoli. gli imprenditori agricoli possono essere ordinari o professionali. L'articolo 1, comma 1, del decreto legislativo n. 228 del 2001 ha sostituito il precedente testo dell'articolo 2135 del codice civile con il seguente: ''è imprenditore agricolo chi esercita una delle seguenti attività: coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali ed attività connesse. per coltivazione del fondo, per selvicoltura e per allevamento di animali si intendono le attività dirette alla cura ed allo sviluppo di un ciclo biologico o di una fase necessaria del ciclo stesso, di carattere vegetale o animale, che utilizzano o possono utilizzare il fondo, il bosco o le acque dolci, salmastre o marine. Si intendono comunque connesse le attività, esercitate dal medesimo imprenditore agricolo, dirette alla manipolazione, conservazione, trasformazione, commercializzazione e valorizzazione che abbiano ad oggetto prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall'allevamento di animali, nonché le attività dirette alla fornitura di beni o servizi mediante l'utilizzazione prevalente di attrezzature o risorse dell'azienda normalmente impiegate nell'attività agricola esercitata, ivi comprese le attività di valorizzazione del territorio e del patrimonio rurale e forestale, ovvero di ricezione ed ospitalità come definite dalla legge''. La qualifica di imprenditore agricolo professionale e' soggetto a riconoscimento da parte dell'assessorato regionale all'agricoltura (servizio ripartimentale dell'agricoltura). Infatti possono chiedere la qualifica sia le persone fisiche e giuridiche (società e cooperative). Le persone giuridiche saranno riconosciute ''imprenditore agricolo professionale'' (i.a.p.) se lo statuto prevede quale oggetto sociale l'esercizio esclusivo delle attività agricole di cui all' art. 2135 del codice civile (coltivazione del fondo, silvicoltura, allevamento del bestiame e attività connesse dirette alla trasformazione o all'alienazione dei prodotti agricoli quando rientrano nell'esercizio normale dell'agricoltura) e se almeno un socio (nelle società di persone) o un amministratore (nelle società di capitali) o un socio-amministratore (nelle cooperative) sia stato già riconosciuto i.a.p. la qualifica di imprenditore agricolo professionale può essere apportata da parte dell'amministratore ad una sola società. Per ottenere il riconoscimento della qualifica bisogna possedere determinati requisiti di tempo, di reddito e di professionalità . Quanto alla vendita diretta da parte di produttori agricoli, la disciplina dettata dal D.lgs 228/01 art. 4, comma 2, e' stata variata dall'art. 2-quinquies della legge 11 marzo 2006, n. 81 che ha modificato il predetto comma 2, stabilendo che ''… per la vendita al dettaglio esercitata su superfici all'aperto nell'ambito dell'azienda agricola o di altre aree private di cui gli imprenditori agricoli abbiano la disponibilità non è richiesta la comunicazione di inizio attività''. Pertanto, l'attività' di vendita diretta (di propri prodotti, salvo ulteriori diversi prodotti nei limiti stabiliti dal d.lgs 228/01) da parte di produttori agricoli non e' soggetta ad alcun adempimento se svolta presso la propria azienda, in altri locali o aree private di cui abbia la disponibilità, o su area pubblica in forma itinerante. Quando invece la vendita deve essere svolta su area pubblica ma mediante l'uso di un posteggio, occorre fare riferimento al comma 4 dell'art. 4 del decreto che stabilisce : ''qualora si intenda esercitare la vendita al dettaglio non in forma itinerante su aree pubbliche o in locali aperti al pubblico, la comunicazione è indirizzata al sindaco del comune in cui si intende esercitare la vendita. per la vendita al dettaglio su aree pubbliche mediante l'utilizzo di un posteggio la comunicazione deve contenere la richiesta di assegnazione del posteggio medesimo, ai sensi dell'art. 28 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114''. Il predetto comma 4, quindi, non condiziona la vendita all'ottenimento di una autorizzazione commerciale (l'imprenditore deve solamente inviare allo Suap una comunicazione) ma alla sola concessione del suolo pubblico per l'uso del posteggio (che dovrà essere richiesto all'atto della comunicazione). La regione Sardegna ha recepito le disposizioni sopra indicate.

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Normativa di riferimento Formato doc 35 kb
Requisiti Formato doc 31 kb
Modulistica e documenti Formato doc 31 kb
Adempimenti Formato doc 25 kb

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Servizio Attività Produttive - S.U.A.P.
Referente: Dott.ssa Marina Ajtano
Indirizzo: Via Giofra, 1 Piano Secondo
Telefono: 070 85954260 - 244
Fax: 070 85954279
Email: commercio@comune.quartucciu.ca.it
Email certificata: suap.quartucciu@legalmail.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto