Vai a sottomenu e altri contenuti

“San Giorgio: una rosa per un libro”. È festa per la Giornata mondiale del libro

Data evento: 08/05/2009 Luogo: Biblioteca Comunale 'Francesca Sanna Sulis' via Nazionale, 119 - Quartucciu Categoria: Manifestazioni culturali

L’Altravoce.net

venerdì 24 aprile 2009

“San Giorgio: una rosa per un libro”.

Musica, poesia e teatro a Quartucciu

È festa per la Giornata mondiale del libro

di Claudia Mameli

Si dice che ogni progresso arrivi dalla lettura e dalla meditazione. Perché le cose che non sappiamo le impariamo leggendo, e le cose che abbiamo imparato le conserviamo meditando. Niente di meglio che cimentarsi nella lettura di un buon libro, dunque, per sconfiggere il “drago” dell'ignoranza. Quando poi alla saggezza di pensiero corrisponde l'occasione propizia, come la Giornata mondiale del libro indetta dall'Unesco, e la festa di San Giorgio, santo martire patrono di Quartucciu, e di altri comuni dell'isola e della Catalunya, il resto viene da sé.

Non poteva che chiamarsi “San Giorgio: una rosa per un libro” l'evento culturale promosso dall'assessorato alla cultura di Quartucciu, organizzato nei locali della biblioteca Sanna Sulis. Come vuole la leggenda aurea, San Giorgio sconfisse il drago e dal suo sangue nacque una rosa che regalò alla principessa appena salvata. Così a Quartucciu, nel giorno in cui si festeggia il santo martire e nella giornata mondiale della promozione alla lettura, si è pensato di omaggiare tutti i cittadini e non, presenti all'evento, con una rosa e un libro o un dvd a scelta.

La cornice dell'evento è suggestiva: le scale della biblioteca sono tappezzate di petali e boccioli di rose, sulle pareti che conducono sino alla sala lettura, quasi si trattasse di un percorso iniziatico, cartelloni colorati con frasi di poeti e celebri scrittori, che non si può fare a meno di guardarsi intorno. Palloncini tra gli scaffali. Cuori creati con legnetti colorati, con appesi foglietti e messaggi, mettono al bando l'ignoranza e inneggiano alla cultura del libro e del sapere: magicamente tenuti sospesi per aria da fili invisibili.

A fare compagnia alla carta stampata, a quell'affascinante universo che ogni libro rappresenta e in cui ci si immerge avidamente, ci sono le colorate tele a olio della pittrice Cristina Guggeri, esposte per una manifestazione così importante, che rischiava però di non avere luogo. Il perché è presto detto e di facile intuizione. «Quartucciu è un comune che ha tante risorse- spiega il sindaco Pierpaolo Fois- ma sono allocate e, a causa del patto di stabilita, non possiamo utilizzare i soldi che abbiamo. Inoltre, quando si tratta di investire denari per manifestazioni culturali, c'è sempre qualcuno che storce il naso e reputa che vi siano altre priorità ed emergenze da anteporre».

Ovvero: la manifestazione è stata realizzata a un costo quasi pari allo zero per l'amministrazione comunale: chi ha partecipato l'ha fatto senza ricevere alcun compenso. Un gesto tanto sentito e lodevole che ha meritato il plauso del primo cittadino. L'assessore alla cultura Sandra Spiga e tutti i suoi collaboratori, i ragazzi che prestano servizio civile all'interno della biblioteca e gli stessi bibliotecari.

E ancora: il gruppo Olata e i suoi artisti. Mario Faticoni, Eugenio Perez Alcalà, docente di Lingua spagnola e la libreria Mondadori di Dattena che ha donato i libri che sono stati regalati (e saranno donati ancora nei prossimi giorni) ai presenti, e tanti altri che ogni giorno con il loro lavoro, o semplicemente grazie ai loro personali interessi dicono no alla politica dell'ignoranza e della soggezione delle masse al pensiero unico e altrui. Dicono alla mercificazione della conoscenza e si prodigano comunque per dare forma e colore a una manifestazione che, a causa dell'assenza di risorse, sarebbe stata tagliata dalla programmazione.

«La passione e la solidarietà di tutti, le forze e le competenze messe in campo hanno reso possibile che anche Quartucciu, insieme ad altre realtà sparse in tutto il mondo, celebrasse la festa del libro- dice tra lacrime di vera commozione Sandra Spiga- mi è arrivata una e-mail da Barcellona che diceva: “Assessore, stiamo festeggiando insieme a voi”. Grazie alla tecnologia e alla voglia di crescita la nostra comunità è uscita da quell'anonimato a cui sembrava votata da sempre».

E mentre qualche bambino ha già ricevuto in dono il suo libro e lo sfoglia in maniera composta seduto a gattoni sul pavimento, in sala piovono i versi delle poesie di Neruda e Federico Garcia Lorca (omaggio di Dino Pinna alla Spagna, che ha anch'essa come santo patrono San Giorgio), accompagnate dalla musica di Alessandro Olla. Si solleva a più riprese la soave voce, con la lodevole impostazione di chi ha sapienza e conoscenza teatrale, di Mario Faticoni. Legge al pubblico astante una sua personale poesia, invece, Salvatore Sardu, noto cineasta isolano.

In rappresentanza dei giovani del servizio civile, Danilo Cappai, recita il brano tratto dalla scena I Atto III dell'Amleto di Shakespeare “To be or not to be”. E, dulcis in fundo, dentro e fuor di metafora: la Pro Loco ha offerto a tutti una fetta di torta che, avrebbe dovuto avere la forma di un drago ma - data la complessità di realizzazione - si è forse infine optato per un più semplice disegno del drago con la glassa colorata. Nessuna forma di protesta, com'era ovvio che fosse. E nessuna reticenza: il dolce è stato gradito da tutti e gustato nella terrazza con giardini pensili della biblioteca, che per ora può stupire solo con questo piccolo spazio all'aperto, che non hanno, c'è da dirlo, altre biblioteche ma, il sindaco e l'assessore Spiga, promettono comunque di meglio.

«Nel 2006 abbiamo vinto il Bando Polis - spiegano Fois e Spiga- e con gli 8 milioni e 600 mila euro che abbiamo a disposizione stiamo provvedendo alla copertura della necropoli (1 milione e 800 mila euro), il resto sarà utilizzato per la costruzione di una biblioteca multimediale circondata da un parco urbano di 15mila metri quadrati». Insomma, qualcosa di più della già accogliente terrazza di lettura. Il filosofo inglese Francesco Bacone affermava che alcuni libri potessero essere assaggiati, altri trangugiati, e alcuni, rari, masticati e digeriti. E se accogliessimo il suggerimento e leggessimo più spesso, magari assaggiando, trangugiando o masticando e digerendo una fetta di torta nel giardino di una biblioteca che “s'ha da fare”?

A chi rivolgersi

A chi rivolgersi - Referente
Ufficio/Organo: Ufficio Cultura
Indirizzo: Via Nazionale, 127
Telefono: 070859541  
Fax: -
Email: affarigenerali@comune.quarucciu.ca.it
Email certificata: protocollo.quartucciu@legalmail.it
Scheda ufficio: Vai all'ufficio
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto