Vai a sottomenu e altri contenuti

Strutture ricettive extra alberghiere

Sono strutture ricettive extra alberghiere gli affittacamere, le case per ferie, gli ostelli per la gioventù, le case e appartamenti per vacanze, il turismo rurale ed i residence. Per l'esercizio saltuario di alloggio e prima colazione (Bed and Breakfast) si veda la scheda apposita. a) Esercizi di affittacamere Sono esercizi di affittacamere le strutture composte da non più di sei camere destinate a clienti, ubicate in non più di due appartamenti ammobiliati in uno stesso stabile, nelle quali sono forniti alloggio e servizi complementari. L'attività di affittacamere può essere altresì esercitata in modo complementare rispetto all'esercizio di ristorazione qualora sia svolta da uno stesso titolare, in una struttura immobiliare unitaria. In tal caso l'esercizio può assumere la denominazione di ''locanda''. Gli affittacamere devono assicurare i seguenti servizi minimi di ospitalità compresi nel prezzo della camera: • pulizia dei locali ad ogni cambio di cliente ed almeno una volta la settimana; • sostituzione di biancheria ad ogni cambio di cliente ed almeno una volta la settimana; • fornitura di energia elettrica, acqua calda e fredda e riscaldamento; • recapito postale e telefonico. Gli affittacamere possono somministrare, limitatamente alle persone alloggiate, alimenti e bevande e, su richiesta del cliente, provvedere al rigoverno aggiuntivo delle camere. b) Case per ferie Sono case per ferie le strutture ricettive attrezzate per il soggiorno di persone, gestite da enti pubblici, associazioni o enti operanti senza scopo di lucro per il conseguimento di finalità sociali, culturali, assistenziali, religiose o sportive, nonché da enti o aziende per il soggiorno dei propri dipendenti e loro familiari. Nelle case per ferie possono essere ospitati dipendenti e relativi familiari di altre aziende e assistiti degli enti; tale attività può essere svolta solo sulla base di apposita convenzione tra le aziende che consentano di perseguire le finalità di cui al precedente paragrafo. Nelle case per ferie, oltre alla prestazione di servizi ricettivi essenziali, sono assicurati i servizi e l'uso di attrezzature che consentano il perseguimento delle finalità. La disciplina delle case per ferie si applica altresì ai complessi ricettivi che assumono la denominazione di pensionati universitari, case della giovane, case religiose di ospitalità, foresterie, centri di vacanze per minori e centri di vacanze per anziani. c) Ostelli per la gioventù Sono ostelli per la gioventù le strutture ricettive attrezzate per il soggiorno ed il pernottamento dei giovani e degli accompagnatori dei gruppi di giovani, di proprietà di enti pubblici, enti di carattere morale o religioso e associazioni, operanti, senza scopo di lucro, nel campo del turismo sociale e giovanile per il conseguimento di finalità sociali e culturali. Gli ostelli possono essere gestiti anche da operatori privati, previa convenzione con l'ente proprietario. d) Case e appartamenti per vacanze Sono case e appartamenti per le vacanze (C.A.V.) le unità abitative ubicate nello stesso comune e delle quali il gestore abbia legittimamente, a qualsiasi titolo, la disponibilità anche temporanea. Tali unità abitative, in numero non inferiore a tre, composte ciascuna da uno o più locali, devono essere arredate e dotate di servizi igienici e cucina autonomi, gestite unitariamente in forma imprenditoriale per l'affitto a turisti, senza offerta di servizi imprenditoriali per l'affitto a turisti, senza offerta di servizi centralizzati o prestazioni di tipo alberghiero, nel corso di una o più stagioni. Nelle C.A.V. devono essere assicurate le seguenti prestazioni essenziali: • fornitura di energia elettrica, acqua, gas e riscaldamento nei mesi invernali; • manutenzione in condizioni di efficienza degli impianti tecnologici; • pulizia dei locali ad ogni cambio di cliente; • accoglienza e recapito del cliente. Nelle C.A.V. possono ulteriormente essere forniti servizi e prestazioni, quali, tra l'altro: • pulizia dei locali durante il soggiorno dei clienti; • fornitura e cambio di biancheria; • utilizzo di attrezzature di svago e sport. La gestione di case ed appartamenti per vacanze non può comprendere la somministrazione di cibi e bevande.Le strutture in cui si esercita l'attività ricettiva individuate nel comma 1 devono possedere i requisiti igienico-sanitari ed edilizi previsti dalle normative vigenti per i locali di civile abitazione. L'esercizio di C.A.V. secondo le modalità previste dal presente capo, non comporta modifica di destinazione d'uso ai fini urbanistici delle strutture immobiliari impiegate. Nelle case ed appartamenti per vacanze non può essere fornita ospitalità per un periodo inferiore a sette giorni consecutivi o superiore a tre mesi consecutivi, salvo deroghe disposte, con provvedimenti motivati, dall'Amministrazione Comunale per speciali esigenze connesse a festività o manifestazioni di interesse locale. e) Alloggi turistico-rurali Per turismo rurale si intende quel complesso di attività di ricezione, di ristorazione, di organizzazione del tempo libero e di prestazione di ogni altro servizio finalizzato alla fruizione turistica dei beni naturalistici, ambientali e culturali del territorio rurale extraurbano. L'attività di turismo rurale deve essere svolta nel rispetto delle seguenti condizioni: • offerta di ricezione e ristorazione esercitata in fabbricati rurali già esistenti ovvero nei punti di ristoro di cui all'articolo 10 delle direttive per le zone agricole, adottate dalla Regione Sardegna in attuazione della legge regionale 22 dicembre 1989, n. 45, e successive modifiche e integrazioni, da realizzarsi, secondo le tipologie edificatorie rurali locali, nelle aree extra urbane agricole come individuate nel Piano urbanistico comunale; • ristorazione con pietanze tipiche della gastronomia regionale, preparate in prevalenza con l'impiego di materie prime di produzione locale; • allestimento degli ambienti con arredi caratteristici delle tradizioni locali ed in particolare della cultura rurale della zona. Il termine ''turismo rurale'' è riservato esclusivamente alle attività di turismo rurale svolte ai sensi della legge regionale 27/1998. Possono svolgere attività di turismo rurale i seguenti operatori: • gestori di strutture ricettive alberghiere e di ristorazione, singoli od associati, autorizzati all'esercizio dell'attività ai sensi delle vigenti leggi nazionali e regionali e iscritti negli appositi registri delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura; • gestori di servizi di organizzazione e di supporto alle attività sportive all'aria aperta e del tempo libero, iscritti negli appositi albi professionali e negli specifici registri delle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura. f) Residence I residence sono strutture ricettive gestite unitariamente in forma imprenditoriale che offrono alloggio e servizi in unità composte da uno o più locali arredati, forniti di servizi igienici e di cucina. Le unità abitative, in un numero non inferiore a sette, sono ubicate in stabili a corpo unitario o a più corpi, ovvero in parti di stabili ovvero in dipendenze che devono essere ubicate a non più di cento metri di distanza dalla sede principale in modo da conservare l'unitarietà della gestione e dell'utilizzo dei servizi. I residence articolati su più corpi o unità abitative insistenti su un'unica area, a tale scopo riservata ed attrezzata, e caratterizzati dalla centralizzazione dei servizi, possono assumere la denominazione di ''Villaggio''.Nei residence non può essere fornita ospitalità per periodi inferiori a sette giorni consecutivi. Per particolari periodi dell'anno o per speciali esigenze connesse a festività o manifestazioni di interesse locale il Sindaco può, con provvedimenti motivati, consentire deroghe al limite temporale di alloggio. I residence possono essere autorizzati ad avere apertura stagionale. L'apertura stagionale non può essere inferiore a quattro mesi continuativi, salvo diverse norme comunali. E' fatto obbligo al titolare o al gestore dell'esercizio di indicare annualmente l'arco temporale di apertura del residence.per avviare l'attività di Struttura ricettiva extralberghiera si applica il procedimento in immediato avvio.

Requisiti

Requisiti previsti dalle Leggi e normative di settore.

Costi

€ 15,00

Normativa

Legge Regionale 12 agosto 1998, n. 27 - L.R. n° 22/1984 - D.Lgs. n° 79/2011

Documenti da presentare

Dichiarazione autocertificativa al SUAP l'apertura sarà possibile sin dal momento della trasmissione della documentazione.

Termini per la presentazione

*

Incaricato

Stefania Cortopassi; 070 85954260; fax 07085954279; mail:commercio@comune.quartucciu.ca.it pec: suap.quartucciu@legalmail.it

Tempi complessivi

60 giorni

Termini e modalità di ricorso

Ricorso amministrativo davanti al TAR entro 60 gg o al Presidente della Repubblica entro 120 gg

Note

Informazioni sul procedimento:

Richiesta: ad istanza di parte;

Apertura al pubblico:Ufficio Suap; lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10:30 alle 13:30, martedì dalle 15:45 alle 17:15;

mail:commercio@comune.quartucciu.ca.it pec: suap.quartucciu@legalmail.it

Comunicazione: rilascio ricevuta tramite il portale regionale;

Denuncia inizio attività;

Modulistica e info reperibile sul sito www.sardegnaimpresa.eu nella Sezione Suap Modulistica

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto