Vai a sottomenu e altri contenuti

Celebrazione di matrimonio civile o effetti civili del matrimonio concordatario

Il Matrimonio è l'unione di due persone finalizzata alla reciproca solidarietà, oltre che al mantenimento ed all'educazione dei figli.
Con esso si costituisce la famiglia legittima e si acquista lo status di coniuge.
Sussiste matrimonio solo in presenza di presupposti specifici: diversità di sesso tra gli sposi, libera e reciproca manifestazione di volontà e scambio dei consensi alla presenza dell'Ufficiale di Stato Civile.
Il matrimonio si può celebrare solo tra persone che abbiano raggiunto la maggiore età (18 anni). Con espressa autorizzazione, le nozze possono essere celebrate anche quando il soggetto abbia compiuto il sedicesimo anno di età, a seguito di verifica e valutazione disposta dal tribunale competente (figura giuridica dell'emancipazione). Le donne divorziate possono contrarre nuovo matrimonio solo se sono trascorsi trecento giorni dalla data del divorzio. Anche le vedove possono risposarsi solo dopo trecento giorni dalla morte del marito. Tale termine non si osserva:
- se il matrimonio è autorizzato con decreto del Tribunale;
- se esiste una sentenza da cui risulti che non c'è stata convivenza nei trecento giorni precedenti il divorzio;
- se lo scioglimento o il divorzio siano stati ottenuti per mancata consumazione del matrimonio o per separazione durata tre anni;
- se la futura sposa ha partorito;
Dal vincolo matrimoniale discendono una molteplicità di rapporti patrimoniali e di diritti ed obblighi tra coniugi e tra genitori e figli (artt. 143 ss. c.c.). Il regime patrimoniale del matrimonio è quello della comunione salvo diversa disposizione dei coniugi per la separazione dei beni, da dichiarare all'atto della celebrazione.
La cerimonia di celebrazione del matrimonio civile comprende tre momenti specifici:
• La lettura di tre articoli del Codice Civile (artt. 143, 144, 147);
• L'esplicita e pubblica dichiarazione di volontà di coniugarsi;
• La lettura dell'atto di matrimonio e la sua sottoscrizione da parte degli sposi, dei testimoni e dell'Ufficiale di Stato Civile.
La legislazione italiana prevede due forme di celebrazione del matrimonio valide agli effetti civili:
• quella concordataria,davanti al Parroco o al Ministro di culto, davanti al quale si svolgono tutte le fasi del matrimonio il quale acquista effetti civili con la trascrizione nei registri di stato civile entro i successivi 5 giorni;
• quella civile ovvero il matrimonio celebrato dal Sindaco o dall'Ufficiale di stato civile delegato, è assoggettato alle regole espressamente previste dal codice civile e dalle leggi speciali e non riveste alcun rilievo in ambito religioso.

I nubendi nel caso di matrimonio da celebrarsi nel Comune di Quartucciu concordano con l'U.S.C. il giorno e l'ora della cerimonia nonché l'eventuale ulteriore dichiarazione relativa alla scelta del regime patrimoniale. La celebrazione del matrimonio e la relativa sottoscrizione da parte di tutti gli intervenuti sancisce la conclusione del procedimento.
Qualora gli sposi intendano sposarsi in un diverso Comune, l'ufficiale di stato civile, terminate le pubblicazioni, su istanza motivata dei nubendi, delegherà alla celebrazione del matrimonio l'ufficiale di stato civile del comune prescelto, ai sensi dell'art. 109 del c.c. - Gli sposi devono presentarsi nel giorno e nell'ora prestabiliti con due testimoni maggiorenni (anche parenti dei nubendi) muniti di valido documento d'identità.

Requisiti

*

Costi

E’ previsto un contributo per l’uso della sala Comunale per i matrimoni da celebrare nei giorni di chiusura degli uffici comunali. Il contributo è di € 80,00 il sabato e € 100,00 la domenica. I nubendi dovranno effettuare il pagamento della tariffa entro il venerdì precedente la celebrazione nel conto corrente intestato alla tesoreria del Comune e presentando l’attestazione di avvenuto pagamento all’ufficio stato civile

Normativa

Artt. 63 e ss. DPR 396/2000 e artt. 106 ss. cod. civ.

Documenti da presentare

*

Termini per la presentazione

 *

Incaricato

Anna Maria Madeddu; tell:070-85954226; 070-85954213; 070-85954217; fax 070-85954216; mail:demografiquartucciu@tiscali.it;

Tempi complessivi

Il termine è di 180 giorni dalla eseguita pubblicazione secondo quanto previsto dall’art. 99 c.c.

Termini e modalità di ricorso

 In caso di rifiuto da parte dell'ufficiale di celebrare il matrimonio, i nubendi possono proporre ricorso al Tribunale di Cagliari ai sensi dell'Art. 95 D.P.R. 396/2000

Note

Informazioni sul procedimento:

Richiesta: dad istanza di parte;

Apertura al pubblico:Ufficio Anagrafe: tutti i giorni dalle 11:00 alle 13:00, martedì dalle 15:30 alle 17:00;

mail:affarigenerali@comune.quartucciu.ca.it

Comunicazione: La celebrazione del matrimonio e la relativa sottoscrizione da parte di tutti gli intervenuti sancisce la conclusione del procedimento

Gli sposi richiedenti la celebrazione del matrimonio dovranno produrre: - •documenti di riconoscimento degli sposi - •documenti di riconoscimento dei due testimoni - Nel caso di matrimonio civile su delega ai sensi dell'art. 109 del C.C. (Celebrazione del matrimonio in un Comune diverso da quello di pubblicazione) gli sposi dovranno produrre altresì l'atto con cui il Sindaco del Comune ove sono state eseguite le pubblicazioni di matrimonio delega il sindaco del Comune di Quartucciu

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto