Vai a sottomenu e altri contenuti

Certificato di agibilità

Il certificato di agibilità è un attestato che un edificio ottiene quando rispetta tutti i requisiti di legge che sono necessari per garantire alle persone di vivere in tutta sicurezza e in pieno comfort nei locali.
Si tratta di una certificazione rilasciata dal Comune dove il fabbricato risiede, e non può essere emessa se non alla fine dei lavori, di realizzazione o di ristrutturazione, dopo che un tecnico abilitato (in genere diverso dal progettista e dal direttore dei lavori) ha eseguito un collaudo ed ha certificato la sussistenza di tutti i criteri di legge.
Il certificato di agibilità garantisce quindi non soltanto le proporzioni minime dei locali e delle finestre, come il vecchio certificato di abitabilità, ma anche altre condizioni quali la sicurezza statica dell'edificio e la sicurezza e il risparmio energetico degli impianti.
La certificazione dell'agibilità dichiara che la struttura è idonea ad accogliere le persone rispettando tutti i dettami di legge per la sicurezza di quel particolare manufatto. L'agibilità non certifica solo la sicurezza, ma bensì il rispetto di tutte le norme tecniche relative alle costruzioni in generale e all'edificio in oggetto in particolare. Il certificato è necessario per poter dichiarare allo Stato che in quel locale vi abitano o vi lavorano delle persone: è quindi indispensabile per fare un cambio di residenza, per richiedere l'attivazione del telefono, per chiedere un mutuo sull'immobile, per aprire un'attività commerciale, per l'accatastamento, per poter affittare o vendere il bene, ecc...
Il certificato può essere revocato in diversi casi:
•nel caso in cui il fabbricato abbia subito dei danni strutturali tali da compromettere la stabilità dell'edificio e, quindi, la sicurezza delle persone. In questo caso è revocato dai Vigili del Fuoco.
•nel caso in cui siano state fatte delle opere abusive che abbiano infranto una sola delle norme tecniche in vigore.
L'agibilità è subordinata al rispetto di tutte le norme e le leggi relative alla costruzione (sia che si siano eseguite opere di nuova costruzione o di ristrutturazione edilizia), e per ottenerla è necessario presentare tutta la documentazione necessaria all'Ufficio gestione territorio del comune. Se è tutto in ordine, il rilascio del certificato è un atto d'obbligo al quale il comune non può opporsi.

Requisiti

Essere proprietario , o titolare del permesso di costruire o il soggetto che ha presentato la D.I.A. (e/o loro successori o aventi causa)

Costi

Diritti di segretria

Normativa

D.P.R. 380/2001 - Titolo III Capo 1 art. 24 L. 47/1985 - art. 35 (Condono) L.R. 23/1985 -

Documenti da presentare

Unitamente alla richiesta di rilascio del certificato di agibilità devono essere presentati:
•la richiesta di accatastamento dell'edificio;
•la relazione tecnica sui calcoli strutturali, se sono state fatte opere strutturali (per le nuove costruzioni ovviamente sempre)
•il progetto esecutivo, corredato della relazione tecnica che illustra come e dove tutte le norme in vigore siano rispettate
•il certificato di collaudo, che attesta che il tutto è stato realizzato secondo il progetto allegato
•una propria dichiarazione di conformità dell'opera rispetto al progetto approvato, nonché in ordine all'avvenuta prosciugatura dei muri ed alla salubrità degli ambienti;
•una dichiarazione dell'impresa installatrice che attesta la conformità degli impianti installati negli edifici ad uso civile alla prescrizioni di cui agli artt. 113 e 117 dello stesso T.U., nonché all'art. 1 della L. 10/91, ovvero certificato di collaudo degli stessi, ove previsto, ovvero ancora certificazione di conformità degli impianti inerenti alla sicurezza degli impianti prevista dagli artt. 111 e 126 del T.U. ;
•il certificato di collaudo statico (per le costruzioni in conglomerato cementizio armato o a struttura metallica) disciplinato dall'art. 67 del T.U.;
•una dichiarazione di conformità delle opere realizzate alla normativa vigente in tema di barriere architettoniche.
Il Comune può disporre un'eventuale ispezione per verificare l'esistenza dei requisiti, ma, l'agibilità è da intendersi come attestata anche nel silenzio dell'amministrazione comunale, una volta che siano trascorsi inutilmente dalla presentazione della domanda:
a) 30 giorni, qualora nel procedimento per il rilascio del permesso di costruire sia stato acquisito il parere espresso dall'ASL;
b) 60 giorni, nel caso di autodichiarazione afferente i contenuti del parere stesso.
Tale termine può essere interrotto per una sola volta, entro 15 giorni dalla domanda, e per i soli casi di richiesta da parte dello comune di documenti finalizzati ad integrare o completare la documentazione presentata.

Termini per la presentazione

Presentazione  del modulo di richiesta certificato di agibilità, in carta bollata,entro 15 giorni dall'ultimazione dei lavori

Incaricato

Ing. Claudia Melis, Tel. 07085954237 - e-mail urbanistica@comune.quartucciu.it

Tempi complessivi

30 o 60 giorni

Termini e modalità di ricorso

Ricorso amministrativo Ricorso giurisdizionale

Note

Informazioni sul procedimento:

Procedimento ad istanza di parte

Orari al pubblico: Martedì 15,30-17,15 Mercoledì e Venerdi 11,00-13,30.

Comunicazione: Comunicazione scritta;

Modelli scaricabili sul sito:http://www.comune.quartucciu.ca.it/docs/moduli/04__agibilita2.pdf

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Formato pdf 420 kb
Legge 28 febbraio 1985, n. 47 Norme in materia di controllo dell'attività urbanistico-edilizia. Sanzioni amministrative e penali Formato pdf 109 kb
Legge Regionale 11 ottobre 1985, n. 23 Norme in materia di controllo dell’attività urbanistico-edilizia, di risanamento urbanistico e di sanatoria di insediamenti ed opere abusive, di snellimento ed accelerazione delle procedure espropriative. Formato pdf 151 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto